In Bahrain per la 8 Ore, quarta tappa del FIA WEC

Il team Cetilar Racing è pronto ad affrontare l’unica 8 Ore del Mondiale FIA WEC in programma questo fine settimana in Bahrain. Sul circuito di Sakhir l’equipaggio formato da Roberto LacorteGiorgio Sernagiotto Andrea Belicchi ritorna in pista al volante della Dallara LMP2 n.47 gestita dalla AF Corse per il giro di boa della stagione 2019-2020, che giunge al quarto degli otto appuntamenti del calendario. Un calendario che ha subito un’importante variazione, visto che la tappa brasiliana di San Paolo è stata sostituita dalla Lone Star Le Mans che si svolgerà ad Austin (Texas) il 22 e 23 febbraio.
Dopo il sesto posto ottenuto nel round inaugurale di Silverstone ed il settimo messo a segno al Fuji e, nei primi giorni di novembre, a Shanghai, i tre piloti italiani puntano sulla strategia. Reduce dalla serata della Hall of Fame FIA di Parigi, Lacorte è perfettamente consapevole che bisognerà lavorare soprattutto su questo aspetto. “È la prima volta che corro in Bahrain, una pista di cui ho sentito parlare spesso e che presenta diverse incognite. So che ha un asfalto molto abrasivo, quindi prima di tutto sarà particolarmente importante gestire al meglio le gomme, fattore che oltretutto sulla nostra Dallara risulta sempre particolarmente delicato. Il tracciato di Sakhir è molto interessante, anche se quelli davvero belli e affascinanti devono ancora arrivare, considerando che dopo il Bahrain andremo a Austin, Sebring, Spa e infine a Le Mans. Questa gara sarà invece importante per la sua lunghezza e quindi per tutti gli aspetti legati alla strategia di gara e per il fatto che si disputa quasi tutta di notte, una sorta di primo assaggio di quello che vivremo a giugno in occasione della nostra quarta 24 Ore di Le Mans”.
Anche per me si tratta della mia prima gara su questa pista – ha aggiunto Sernagiotto – Sono particolarmente carico. Affronteremo con il solito spirito positivo una 8 Ore in cui cercheremo di sfruttare al massimo l’affidabilità della nostra vettura”.
Diversa la situazione per Belicchi, che conosce bene il tracciato del Bahrain. L’ultima volta che vi ha corso risale al 2016, nel TCR Series. Due anni prima, sempre nel Mondiale FIA WEC, vi conquistò un ottimo sesto posto assoluto e di LMP1, mentre nel 2012 concluse quinto. 
La 8 Ore del Bahrain inizierà giovedì con le prime due sessioni di prove libere che proseguiranno anche il giorno successivo con un terzo turno. Sempre venerdì, a partire dalle 16.40 ora locale (le 14.40 in Italia) sono in programma le qualifiche. La gara si svolgerà eccezionalmente sabato, con la partenza alle ore 15 (le 13 italiane) e la diretta dalle 17 alle 21.30 su Eurosport 2, con il commento di Marco Petrini e Nicola Villani.

Cetilar Racing al fianco di Fernando Alonso per la Dakar 2020

Cetilar Racing si appresta a fare il suo debutto alla Dakar, grazie a una partnership d’eccezione: quella che, in occasione dell’edizione che si disputerà in Arabia Saudita dal 5 al 17 gennaio 2020, legherà il brand tutto italiano a Fernando Alonso

Lo spagnolo, due volte campione del mondo di Formula 1, due volte vittorioso nella 24 Ore di Le Mans e campione in carica del FIA World Endurance Championship con il TOYOTA GAZOO Racing, sarà al via della celebre corsa nel deserto con i colori della squadra legata al Costruttore giapponese, in equipaggio con il navigatore Marc Coma, quest’ultimo già vincitore in moto di cinque edizioni della stessa Dakar.  

Cetilar Racing apparirà per l’occasione sulla tuta e sul casco di Fernando Alonso, incarnando lo spirito della sfida sportiva in una delle competizioni più dure a livello mondiale, molto utile anche per testare in condizioni estreme le indiscutibili qualità della gamma di prodotti Cetilar® che comprende anche Cetilar® Crema, ideale per ridurre la sintomatologia dolorosa di articolazioni e di muscoli dovuta a traumi. 

La realtà legata all’azienda farmaceutica pisana PharmaNutra S.p.A., estende pertanto il proprio impegno nel mondo del motorsport. Una sfida, quella della Dakar 2020, che si va ad aggiungere al Mondiale FIA WEC, in cui Cetilar Racing ha esordito nella recente 4 Ore di Silverstone, schierando al via la Dallara n.47 della classe LMP2 guidata da Roberto Lacorte, Giorgio Sernagiotto e Andrea Belicchi. Ma anche all’iniziativa Cetilar Performance, lanciata proprio quest’anno con l’obiettivo di seguire in uno specifico percorso di crescita, professionale e soprattutto umana, un “pool” di giovani kartisti assieme a partner d’eccellenza del team. 

Si conferma pertanto sempre più di alto livello la presenza nello sport del brand Cetilar®, sia attraverso importanti sponsorship che medical partnership. Già main sponsor per la terza stagione consecutiva del Parma Calcio, il brand brevettato da PharmaNutra S.p.A. vanta una forte e radicata presenza anche nel running (è partner di alcune delle più importanti maratone d’Italia), nella vela, nel golf e nelle discipline paralimpiche, grazie alla stretta collaborazione con Obiettivo 3, il progetto di Alex Zanardi che punta a coinvolgere gli atleti disabili per avviarli allo sport.

“Poter affiancare un campione come Fernando Alonso in questa sua nuova, avvincente tappa della sua straordinaria carriera, è motivo di grande soddisfazione e orgoglio: Fernando non è solo uno tra i piloti più forti, talentuosi ed eclettici in attività, ma una vera e propria icona del nostro sport”, ha dichiarato Roberto Lacorte, l’uomo che con la sua passione, sia fuori che dentro la pista, ha dato vita al progetto Cetilar Racing. “Vivere la Dakar 2020 al suo fianco, è un vero onore per noi, nonché un ulteriore, rilevante step in avanti per il nostro progetto nel motorsport”.

Cetilar Racing conclude la 4 Ore di Shanghai del mondiale endurance con il settimo posto di classe

La Dallara N.47 del italiano al traguardo per la terza volta di fila

Il team Cetilar Racing ha concluso con un settimo posto di classe la 4 Ore di Shanghai, terzo degli appuntamenti del FIA WEC,portando ancora una volta al traguardola Dallara n.47 gestita dalla AF Corse e divisa da Roberto Lacorte, Giorgio Sernagiotto e Andrea Belicchi.

Dopo avere ottenuto sabato il miglior risultato in qualifica di questa stagione, grazie al sesto responso della LMP2 scaturito dalla media dei due migliori tempi, la squadra tutta “made in Italy” è riuscita a vedere per la terza volta consecutiva la bandiera a scacchi. Dopo essersi avviato dalla terza fila, Sernagiotto ha subito lottato per mantenere la sesta posizione, ma un drive through per avere anticipato il via lo ha relegato ottavo, compiendo poi un primo pit-stop dopo 45 minuti di gara. 

La pista era molto difficile e particolarmente sporca nei giri iniziali, anche a causa di un po’ di sabbia. Tutto ciò ha reso più evidente il degrado delle gomme – ha commentato il pilota trevigiano – Dal momento che nelle qualifiche avevamo utilizzato un set di pneumatici nuovi, abbiamo preso il via con delle coperture usate. Il passo comunque era buono”.

Sernagiotto ha dunque mantenuto l’ottava posizione e ciò fino al momento in cui ha lasciato la vettura al suo compagno di squadra Lacorte. 

Peccato per il drive through. Sorpassare su questa pista è molto difficile. Il consumo delle gomme era davvero terribile”, ha aggiunto Lacorte al termine del suo turno di guida.

Dopo la seconda ora a salire in macchina è stato pertanto Belicchi, il quale ha compiuto un ulteriore pit-stop all’85° giro, durante l’unico regime di Full Course Yellow, risalendo settimo e rimanendoci fino all’arrivo. 

Diciamo che abbiamo fatto un bel lavoro fin dalle qualifiche, portando a termine una gara difficile per tutti e conquistando il settimo posto finale – ha aggiunto poi Lacorte – Il team è stato impeccabile e noi piloti abbiamo guidato bene su una pista notoriamente ostica, specialmente per noi che partiamo con un “gap” che stiamo cercando di gestire al meglio. Veniamo via da Shanghai consapevoli di avere fatto un buon lavoro anche per il futuro. Ci prepariamo adesso per andare nel deserto del Bahrain, per affrontare una otto ore in cui la strategia sarà molto importante e potrebbe giocare a nostro favore”.

Dopo il sesto posto messo a segno nel round inaugurale di Silverstone ed il settimo conquistato in occasione della 6 Ore del Fuji, il team Cetilar Racing ha dunque proseguito dignitosamente il proprio impegno nel Mondiale Endurance, con una vettura oggettivamente meno performante delle altre. E adesso si guarda alla prossima tappa del Bahrain, che si svolgerà nel fine settimana del 12, 13 e 14 dicembre.

Fia WEC: miglior qualifica della stagione per il team Cetilar Racing, che centra il sesto tempo nella 4 Ore di Shanghai

In Cina la Dallara n.47 del team italiano si assicura la terza fila della LMP2

Migliore qualifica della stagione per il team Cetilar Racing, che ha ottenuto nella sessione cronometrata della 4 Ore di Shanghai, terzo degli appuntamenti del Mondiale FIA WEC, il sesto responso della classe LMP2, grazie alla media dei tempi fatti segnare nella sessione di questa mattina da Giorgio Sernagiotto e Andrea Belicchi.

I due piloti italiani, che assieme a Roberto Lacorte si alternano al volante della Dallara n.47, hanno stabilito il crono di 1’50”496. A fare segnare il miglior tempo è stato Belicchi, che dalla sua conosce bene il tracciato che sorge nella periferia della città asiatica, autore di 1’50”470. Più lento di soli 54 millesimi Sernagiotto, alla sua seconda uscita in assoluto sul circuito di Shanghai.

Una grande prova di forza per il prototipo schierato dal team Cetilar Racing e gestito dalla AF Corse, che nella gara di domani scatterà dunque dalla terza fila. Gara che prenderà il via alle ore 12 locali, quando in Italia saranno solo le 5 del mattino.

Sarà il canale satellitare Eurosport a coprire interamente tutto l’evento, con la diretta “no stop” dalle 4.55 alle 9.30. La stessa gara verrà seguita “live” su Sportitalia a partire dalle 7.

Roberto Lacorte.Grande soddisfazione per l’ottimo lavoro di squadra che abbiamo portato avanti. Andrea e Giorgio sono riusciti a sfruttare al massimo la Dallara, che tra l’altro è stata ben evoluta dal nostro team. Un sesto posto che vale tanto. I piloti, la squadra si meritavano questo risultato”.

Giorgio Sernagiotto. Abbiamo tirato fuori il massimo del potenziale della nostra vettura. Siamo assolutamente soddisfatti. Sappiamo qual è il nostro “gap” nei confronti delle Oreca e quindi possiamo dire di avere lavorato anche meglio di qualche altro team, sia noi piloti che tutta la squadra”.

Andrea Belicchi. Già dalle prove libere siamo andati sempre in crescendo sotto l’aspetto delle prestazioni. Siamo contentissimi del lavoro svolto dal team. Io e Giorgio abbiamo messo bene insieme i nostri due migliori giri e ciò vuol dire che anche a livello di piloti tutto sta funzionando a dovere. Abbiamo avuto inoltre la prova che le difficoltà avute al Fuji dipendevano prevalentemente dalle gomme. Adesso proveremo a sfruttare al meglio della nostra Dallara, come già fatto a Silverstone”.

Cetilar Racing a Shanghai nel segno della continuità

Roberto Lacorte, Giorgio Sernagiotto e Andrea Belicchi arrivano al terzo round del mondiale FIA WEC dopo due gare difficili, ma entrambe portate a termine.

Dopo i primi due appuntamenti di Silverstone e Fuji, il team Cetilar Racing affronta questo fine settimana (8, 9 e 10 novembre) il terzo degli otto round del Mondiale FIA WEC in programma sulla pista di Shanghai.

In Cina la squadra tutta italiana ci arriva con un duplice obiettivo: quello di proseguire lo sviluppo della Dallara LMP2 n.47 gestita dalla AF Corse e, nello stesso tempo, cercare di vedere nuovamente il traguardo, come accaduto nelle due precedenti tappe che si sono svolte in Inghilterra e Giappone e che hanno segnato il debutto assoluto del team Cetilar Racing nel World Endurance Championship.

Roberto Lacorte, Giorgio Sernagiotto e Andrea Belicchi di certo giungono in Asia con uno spirito positivo. Se per il primo di essi si tratterà dell’esordio sui 5,4 chilometri del circuito che sorge alla periferia dell’omonima metropoli, Sernagiotto vi ha invece già corso nel 2012, prendendo parte alla prova del Trofeo Maserati che si disputò tuttavia nella versione più corta del tracciato.

Altra storia invece per Belicchi, che nel 2014, sempre nel Mondiale FIA WEC, vi ottenne un ottavo posto con una LMP1. Ancora meglio il pilota parmense fece nei due anni precedenti, quando concluse quarto in entrambe le occasioni.

Dopo il buon esordio di Silverstone, conclusosi con il sesto piazzamento di classe, e la difficile trasferta del Fuji, condizionata anche da un paio di problemi e al termine della quale è arrivato comunque un settimo posto, a Shanghai il team Cetilar Racing vuole risorgere.

Venerdì si inizierà, come di consueto, con i primi due turni di prove libere in programma alle 4 e alle 8.30 ora italiana. Sabato mattina alle 2.50 si svolgerà una terza sessione che precederà le qualifiche a partire dalle 7.30 (sempre ora italiana). La 4 Ore di Shanghai prenderà il via infine domenica alle 12 locali, quando in Italia saranno le 5 del mattino. La gara verrà coperta sia dal canale satellitare Eurosport (diretta “no stop” a partire dalle 4.30), che in chiaro su Sportitalia.