Oltre 1000 km percorsi a Barcellona per il Prologo del WEC

Più di 1060 chilometri completati, per un totale di 228 giri percorsi nell’arco di due giorni, senza alcun minimo problema. Il Prologo di Barcellona del FIA WEC che si è concluso mercoledì, si è rivelato estremamente positivo per il team Cetilar Racing, che ha potuto portare avanti lo sviluppo sulla nuova Dallara-Gibson LMP2 n.47 con cui Roberto Lacorte e Giorgio Sernagiotto faranno il loro debutto assieme al team tutto italiano nel Mondiale, alternandosi al volante con Andrea Belicchi (che nello stesso campionato vanta già differenti esperienze) e prendendo parte all’intera stagione 2019-2020 che partirà con la 4 Ore di Silverstone in programma ad inizio settembre.

Due giorni di lavoro intenso pertanto, in cui si è cercato di interpretare al meglio innanzitutto il tipo di pneumatico Michelin, differente da quello finora impiegato nell’European Le Mans Series. Interessanti anche i tempi ottenuti, che hanno evidenziato un passo eccellente, con un miglior quinto posto di categoria ottenuto proprio nell’ultima sessione del secondo giorno. Ottimo anche il feeling che si è creato con AF Corse, nuovo “partner” per questa inedita avventura, che supporterà tutto l’aspetto tecnico della squadra.

Siamo abbastanza soddisfatti di questi due giorni di test. Abbiamo iniziato un percorso che già a partire dal primo appuntamento di Silverstone dovrebbe cominciare a dare i primi risultati. Ci siamo concentrati più sulla consistenza che sulla prestazione pura in termini del tempo secco, lavorando molto anche sulle gomme – ha commentato il Team Principal Philippe Dumas – Sappiamo che il livello del campionato è altissimo e pertanto dobbiamo ancora migliorare sotto diversi aspetti. Ma siamo qui per affrontare questa sfida al meglio fin da Silverstone. Per finire voglio spendere due parole su Roberto Lacorte, che è il nostro pilota Bronze e ha dimostrato subito di potere fare molto bene“.

Adesso seguirà una pausa di poco più di un mese. Quindi si andrà direttamente in Inghilterra, per il primo degli otto appuntamenti del calendario della serie intercontinentale.

FIA WEC, Prologo Barcellona: day 1 report

Due sessioni per un totale di otto ore di pista, 114 giri completati e miglior tempo, fissato il pomeriggio, in 1:34:882, a poco più di 1 secondo e mezzo dal best crono di giornata di classe LMP2 (la Oreca di United Autosports con Paul Di Resta).

Il primo impatto con il FIA WEC 2019-2020 di Cetilar Racing, a Barcellona per il Prologo ufficiale, è nel segno di una misurata soddisfazione. Misurata perché volare bassi, soprattutto quando si è a inizio stagione, è la regola, anche se le sensazioni sono positive e questi primi risultati cronometrici vanno oltre le aspettative, negarlo sarebbe ipocrita.

“Abbiamo lavorato sull’assetto della macchina, senza cercare il tempo e provando diverse soluzioni, considerando soprattutto che le gomme utilizzate nel WEC, rispetto alla European le Mans Series, hanno mescole differenti. Siamo qui per questo, non certo per cercare il limite”, spiega il Team Principal Philippe Dumas, responsabile del progetto LMP2 per conto di AF Corse, la rinomata online ultram struttura di Amato Ferrari con cui Cetilar Racing affronterà questa sfida mondiale.

Anche oggi, seconda e ultima giornata qui al Circuit de Catalunya, sono due le sessioni di pista previste, dalle 10 alle 14 e dalle 17 alle 21. Roberto Lacorte, Giorgio Sernagiotto e Andrea Belicchi continueranno ad alternarsi alla guida della nuova Dallara motorizzata Gibson che ha fatto il suo esordio in pista a inizio mese a Le Castellet, per una sessione di test privati. E che qui a Barcellona, come palesemente percepibile guardando i volti stanchi ma rilassati dei tre drivers ieri a fine giornata, ha confermato quanto di buono era già emerso al Paul Ricard.

La strada è lunga, il lavoro davanti è tanto e la regola è “volare bassi”, ma iniziare una sfida come quella del FIA WEC con il piede giusto, è il miglior propellente possibile per continuare a dare il 100 per cento.

Domani il prologo del FIA WEC a Barcellona

 Il team Cetilar Racing è pronto a tornare in pista per fare la sua prima apparizione ufficiale nel Campionato Mondiale Endurance FIA WEC, che lo vedrà impegnato a tempo pieno nella stagione 2019-2020.

L’appuntamento è con il Prologo ufficiale, in programma domani e mercoledì 24 luglio sul circuito catalano di Barcellona. Dopo il test del Paul Ricard di due settimane fa, che è servito ad iniziare lo sviluppo sulla nuova Dallara LMP2 gestita in pista dalla AF Corse e che sfoggia fin da adesso una nuova livrea, si comincia a fare dunque sul serio. 

Il conto alla rovescia per la 4 Ore di Silverstone del 30 agosto/1 settembre è già iniziato. La trasferta inglese sarà anche il primo degli otto appuntamenti del calendario intercontinentale che approderà poi in Giappone (Fuji), Cina (Shanghai), Bahrain, Brasile (San Paolo) e Stati Uniti (Sebring), per tornare successivamente in Europa ed affrontare il penultimo round di Spa-Francorchamps e la tappa https://www.mysuitesandco.com/PHARMAZONE/valium/ conclusiva della 24 Ore di Le Mans.

Saranno 30 le vetture in pista in questi due giorni di Prologo, di cui otto nella sola classe LMP2. Due le sessioni di quattro ore in programma per ciascuna giornata, con il semaforo verde in corsia box a partire dalle ore 10 e dalle 17.

Torniamo dal test di Le Castellet con ottime sensazioni, sia riguardo alla nuova Dallara #47 che abbiamo tra le mani, che in generale all’atmosfera che si respira nel team – ha commentato Roberto Lacorte – Il FIA WEC è una sfida per noi, nuova ed impegnativa. Ne siamo consapevoli e vogliamo affrontarla con umiltà, serietà ed ambizione: sappiamo che sarà un percorso pieno di ostacoli, al massimo livello possibile, ma non ci poniamo limiti e daremo il cento per cento per ben figurare e tenere alta la bandiera italiana nel mondo del motorsport“.

Il Summer Camp dei piloti Cetilar Performance

Cetilar Performance torna virtualmente in “pista”. La scorsa settimana, i protagonisti del programma giovani di Cetilar Racing hanno effettuato una sessione di training mentale e fisico presso Formula Medicine, ovvero l’eccellenza in tema della preparazione dei piloti.

Un punto di riferimento, quello di Formula Medicine, per il progetto Cetilar Performance, nuova realtà che è stata ufficializzata lo scorso marzo a Sarno, ponendosi come obiettivo la crescita degli “young driver” nel senso più esteso del termine. Una realtà che oggi coinvolge “brand” di assoluto primo piano nell’ambito del motorismo tricolore. Da Cetilar Racing appunto, per proseguire con DallaraFreemKart RepublicTeam DriverItalian F4 Championship powered by AbarthWSK Promotion e la stessa Formula Medicine.

È stata proprio la struttura di Viareggio che fa capo al dottor Riccardo Ceccarelli ad ospitare i tre piloti selezionati per il progetto, ovvero lo svedese Joel Bergström e gli italiani Sebastiano Pavan e Alfio Spina, giovanissime promesse del karting internazionale. Presenti, assieme a loro, anche Mark KastelicNicola LacorteLorenzo Patrese e Santiago Trisini, tutti in arrivo anch’essi dal kart.

Il loro impegno si è svolto su tre giorni, prendendo sempre come obiettivo la crescita professionale e soprattutto umana, elemento di fondamentale importanza per Cetilar Performance, come sottolineato da Roberto Lacorte, pilota del team Cetilar Racing e vicepresidente dell’azienda PharmaNutra, che attraverso il marchio Cetilar sostiene questo inedito programma di sviluppo e di “mentorship” dedicato ai più giovani.

Ogni giornata era suddivisa in due parti, iniziando con un allenamento mentale di gruppo, in cui si è lavorato principalmente sull’abilità di velocità del cervello, coordinazione neuromuscolare, concentrazione, approccio mentale alla performance e gestione delle tensioni muscolari. Dal punto di vista atletico sono state svolte sia delle sessioni in palestra rapportate all’età (quindi lavoro di coordinazione e destrezza, il tutto a corpo libero su superfici instabili), che delle attività in esterno allo scopo ludico, per cominciare ad applicare alcuni concetti mentali. Per esempio nel “parco avventura”, dove si doveva completare a piedi un percorso su delle piattaforme sopraelevate anche di una decina di metri, confrontandosi con la rigidità muscolare causata dalla tensione. L’obiettivo era cercare di affrontare questa prova nel modo più rilassato possibile, che poi è la stessa cosa che ognuno dei piloti deve fare sul go-kart. Quindi si è proseguito con un allenamento valium best mg online all’aperto ed una sessione di pugilato, sport perfetto per lavorare in condizioni di frequenza cardiaca alta e stanchezza fisica, dovendo però mantenere al contempo una lucidità mentale, una concentrazione e un controllo delle rigidità muscolari tali da non stancarsi in tempi brevi.

Siamo rimasti soddisfatti nel ritrovare un gruppo di ragazzi maturi, professionali ed educati, che si sono impegnati pienamente nelle attività in cui li abbiamo coinvolti. Il nostro obiettivo era intanto quello di farli divertire, “regola” di fondamentale importanza vista la loro giovane età. Però, allo stesso tempo, trasmettendogli dei concetti; il che sta alla base del mental training, per capire anche qualcosa di loro, individuandone in ognuno delle caratteristiche. Quindi imparare, ma divertendosi”, ha spiegato Alessio Erra, fisioterapista di Formula Medicine.

Il primo campus estivo in Formula Medicine, ci ha consentito di valutare in prima persona quanto i piloti del nostro progetto siano coinvolti nel percorso che abbiamo creato ad hoc per loro”, ha dichiarato Roberto Lacorte, appena rientrato da una sessione di test al Paul Ricard con la nuova Dallara di classe LMP2 con cui affronterà il prossimo Mondiale Endurance. “Questa è solo la prima parte di una strada ancora lunga e il bello deve ancora venire, quando avremo modo di vedere sul campo i frutti del nostro lavoro”.

I ragazzi si sono impegnati, hanno vissuto questa tre giorni con serietà e pieno coinvolgimento e si sono anche divertiti, un aspetto che teniamo sempre in considerazione vista la loro età”, ha aggiunto Giorgio Sernagiotto, pilota Cetilar Racing e responsabile del progetto Cetilar Performance. “Attraverso queste attività cerchiamo di dargli delle solide basi su cui costruire il proprio futuro. E non solo dal punto di vista agonistico. Perché, prima di tutto, a noi interessa che crescano come persone, come uomini. E pur potendo contare tutti su famiglie molto presenti, cerchiamo di dare loro il nostro piccolo contributo mettendogli a disposizione la competenza dei nostri partner e basando il lavoro su valori sani e sostanziali di crescita”.

Intanto è già in preparazione il secondo “step” del programma, che prevederà un’attività ancora pià attinente alla guida e all’impegno in pista.